IN CASO DI “SVUOTAMENTO DELLE MANSIONI” IL LAVORATORE HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEI DANNI PATRIMONIALI E NON PATRIMONIALI

13 maggio 2022

Con Ordinanza n. 11499 dell’8 aprile 2022, la Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, ha statuito che, ove la vicenda si sia concretizzata in uno svuotamento dell'attività lavorativa, essa esula dal concetto di equivalenza delle mansioni, configurandosi la diversa ipotesi di sottrazione pressochè integrale delle funzioni da svolgere, vietata anche nel pubblico impiego.

Nel caso di specie, la Cassazione ha confermato la sentenza della Corte di Appello di Bologna, che, accertato il sostanziale svuotamento delle mansioni operato in danno del lavoratore, aveva condannato la parte datoriale al risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali.

Avv. Teodoro Sinopoli

Archivio news

 

News dello studio

giu24

24/06/2022

IL VINO “CARAMINO” NON PUÒ ESSERE REGISTRATO COME MARCHIO D’IMPRESA

Il “Caramino” - vino rosso che veniva prodotto per i Marchesi del castello di Briona nell’alto Piemonte e che è ora diventato uno dei primi vini del Nord Piemonte, vino particolarmente

giu24

24/06/2022

LA NUOVA SANITÀ TERRITORIALE: FINALMENTE IL MEDICO H24?

Con la pubblicazione del parere favorevole del Consiglio di Stato (n. 881/2022), sul c.d. “d.m. 71”, approvato il 21 aprile 2022 dal Consiglio dei Ministri, si è ulteriormente accelerato

giu24

24/06/2022

D.LGS. 231/01: REATI IN MATERIA DI STRUMENTI DI PAGAMENTO DIVERSI DAI CONTANTI E FRODE INFORMATICA.

Il Decreto Legislativo n. 231 del 8 giugno 2001 n. 231 “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di

News

giu30

30/06/2022

Agenzia Entrate: tutto sul Superbonus

L’Agenzia delle Entrate ha emesso la Circolare

giu30

30/06/2022

La Brexit e il diritto di voto del britannico nello Stato membro di residenza

Effetti a cascata per il recesso del Regno